CANADA - Bandiere della francofonia

© Roberto Breschi
Fin dalla metà del XX secolo, i canadesi di espressione francese - al di fuori del QUEBEC dove sono la stragrande maggioranza - hanno formato associazioni culturali al fine di preservare la loro identità storica e le loro tradizioni, senza alcun intento separatista, bensì riconoscendo come patria il Canada e come "piccole patrie" le province e i territori. A partire dal 1975 sono state adottate bandiere provinciali e territoriali per i franco-canadesi che affiancano, senza sostituirle, quelle ufficiali.
Caso particolare i francofoni delle tre piccole province atlantiche, Nova Scotia, Isola Principe Edoardo e New Brunswick. Per ragioni storiche essi si considerano cittadini della più antica nazione "europea" del Nord America, l' ACADIA, sotto la cui antica bandiera si riconoscono.

Bibliografia generale - K. Harrington, articoli vari in Flag Bull. 147, 1992; in Emblèmes et Pavillons 10 e 12,1997; 17 e 19, 1989; 40, 1994; in Flagscan 93, 2009 (per Nunavut) - Symbols of Canada, pubbl. governativa, Ottawa, 1995.

  < ritorno a Canada <


TERRANOVA
Franco-Terreneuviens, dal 1987


Bandiera alzata ufficialmente il 31 maggio 1987, dopo che era stata approvata dall'Associazione francofona di Terranova e Labrador il 5 ottobre del 1986. Evidente l'ispirazione al tricolore francese. Le due vele ricordano l'arrivo dell'esploratore Cartier e dei pescatori francesi, bretoni e baschi; sono gonfiate dal vento, come auspicio di un futuro prosperoso. Sulla vela più piccola figura il rametto di tamarack, il larice del Labrador (Larix laricina), sull'altra un fiore di Sarracenia purpurea, la pianta carnivora simbolo di Terranova. Il giallo ricorda la stella sulla bandiera degli acadiani. Proporzioni c. 3/5. In percentuale (ca. 0,4%), Terranova è la provincia meno francofona del Canada. (© FFTNL, Gaël Corbineau, in litteris)

[ inizio pagina ]

ONTARIO
Franco-Ontariens, dal 1975


Bandiera alzata per la prima volta il 25 settembre 1975 per iniziativa dell'Associazione Franco-canadese dell'Ontario. Il verde e il bianco rappresentano rispettivamente la stagione estiva e quella invernale. Sul verde figura il fleur-de-lis della Francia, sul bianco appare la figura stilizzata del trillium (Trillium grandiflora) che è il fiore rappresentativo della provincia. Proporzioni 1/2. L'Ontario ha circa il 4,5% della popolazione di lingua francese, ma in valori assoluti costituisce la seconda provincia dopo il Quebec con il maggior numero di francofoni.

[ inizio pagina ]

MANITOBA
Franco-Manitobains, dal 1980


Bandiera dei francofoni del Manitoba (circa 8% della popolazione), adottata il 17 febbraio 1980. La striscia rossa simboleggia il Fiume Rosso sulle cui rive si stabilirono i primi coloni francesi in Manitoba. La striscia gialla rappresenta le grandi estensioni coltivate a frumento. La pianta verde vuol significare che gli abitanti di lingua francese sono profondamente radicati nella provincia. Proporzioni 1/2.

[ inizio pagina ]

SASKATCHEWAN
Fransaskois, dal 1979


Bandiera scelta mediante un concorso indetto nel 1976 dall'associazione dei Franco-canadesi del Saskatchewan (6%) e adottata nel 1979. Il campo giallo rappresenta le praterie coltivate a grano. La croce verde richiama le grandi foreste del nord e ricorda i primi missionari francesi. Il fleur-de-lis è qui ripreso dall'insegna dell'esploratore Pierre Gaultier de Varenne de la Vérendrye che nel XVIII secolo esplorò parte della regione. Proporzioni 7/12.

[ inizio pagina ]

ALBERTA
Franco-Albertains, dal 1982


La bandiera dei canadesi francofoni dell'Alberta (che assomano a circa il 3% della popolazione) fu alzata per la prima volta il 6 marzo 1982. Il fleur-de-lis, bianco in campo azzurro, come di consueto richiama la Francia. Il fiore rosso in campo bianco è una rosa canina (Rosa acicularis), rappresentativa della provincia. Le linee diagonali simboleggiano le vie d'acqua e di terra aperte dagli esploratori e dai coloni. Proporzioni di solito 2/3.

[ inizio pagina ]

COLUMBIA BRITANNICA
Franco-Colombiens, dal 1981

 
Bandiera dei cittadini di lingua francese della Colombia Britannica (meno dell'1%), scelta per concorso nel maggio 1981. Le strisce azzurre che al centro del drappo piegano verso l'alto, rappresentano la linea dell'Oceano Pacifico e quella di terra che si innalza verso le Montagne Rocciose. Le strisce terminano poi in un fleur-de-lis stilizzato che ha un petalo in comune con un fiore di corniolo bianco (Cornus alba), la pianta simbolo della provincia.

[ inizio pagina ]

YUKON
Franco-Yukonnais, dal 1986


Bandiera dei francofoni dello Yukon, che costituiscono appena un centesimo della popolazione. Il disegno dinamico riflette l'altrettanto dinamica geografia del territorio, con alte montagne (il monte Logan, il più alto del Canada, raggiunge quasi i 6000 metri) e profonde vallate. Il bianco e il blu sono i colori predominanti del paesaggio, la striscia giallo-oro ricorda la famosa corsa all'oro nella valle del Klondike. Proporzioni 2/3 (non tassative).

[ inizio pagina ]

TERRITORI DEL NORD OVEST
Franco-TéNois, dal 1992


Bandiera dei pochi francofoni (tra l'1 e il 2%) stanziati nei Territori del Nord Ovest, adottata nel 1992. In realtà l'emblema composto dal fleur-de-lis e dal fiocco di neve - simboli della Francia e del grande nord - entrò in uso già nel 1986 per iniziativa della locale associazione culturale francofona. Il primo progetto di bandiera recava il solo emblema al centro di un drappo celeste, ma poi fu aggiunto anche l'orso polare inserito in un paesaggio nordico. Proporzioni variabili.

[ inizio pagina ]

NUNAVUT
Franco-Nunavois, dal 2002


I francofoni del Nunavut raggiungono a stento il 2% della già scarsa popolazione del territorio. La loro bandiera fu adottata nel 2002; ha i colori tipici del paesaggio  locale, innevato sotto il cielo azzurro. La forma curva centrale ricorda quella dell'igloo; all'interno di essa figura l'inuksuk, che attesta l'impronta umana in una terra apparentemente inospitale. Vicino all'inuksuk spunta un tarassaco in fiore (Taraxacum officinale), pianta tenace che simboleggia lo spirito di adattamento dei francofoni alle dure condizioni climatiche del territorio.

[ inizio pagina ]