EKATERINBURG


Ekaterinburg (da Caterina I di Russia), già Sverdlovsk come la regione di cui è capoluogo, quarta città russa per numero di abitanti, sorge ai piedi del versante orientale degli Urali Centrali ed è nota anche perché vi avvenne nel 1918 l'uccisione dello zar Nicola II Romanov con l'intera famiglia. La sua bandiera fu adottata il 24 giugno 2008, ispirata allo stemma introdotto nel 1998 ma derivato da quello originale del 1783. Proporzioni 2/3. Sulla striscia centrale verde (pari alla metà del drappo) sono raffigurati un pozzo minerario e una fornace di fusione, che alludono alle miniere d'argento locali. Le striscie gialla e azzurra simboleggiano rispettivamente i monti Urali e il fiume Iser che bagna la città.


> Russia >                                    > indice città >


CELIABINSK


Bandiera della città di Celiabinsk, presso il versante orientale degli Urali meridionali, adottata il 21 maggio 2002. Proporzioni 2/3. Armeggiata. Il cammello è presente anche sulla bandiera dell'omonimo oblast ed esprime lo stesso simbolismo. Il muro sullo sfondo rappresenta la fortezza cosacca di Celyaba, costruita nel 1735, intorno alla quale si sviluppò il centro abitato. La simbologia dei colori è quella convenzionale: il giallo sta per la ricchezza e l'intelligenza, il bianco per la purezza e la generosità, il verde per la natura e la speranza nel futuro.


> Russia >                                    > indice città >


TYUMEN


La bandiera di Tyumen - importante centro economico e prima vera città sorta in Siberia (nel 1586), ai limiti sud-occidentali del bassopiano siberiano occidentale - fu adottata il 28 aprile 2005. Proporzioni 2/3 con la striscia bianca pari a 1/5 del drappo. Il disegno e i colori sono presi dallo stemma del 1785. La striscia bianca rappresenta il fiume Tura che attraversa la città. La barca simboleggia l'importanza della navigazione fluviale, grazie alla quale Tyumen costituì la base per l'espansione della Russia verso l'est.


> Russia >                                    > indice città >


OMSK


2002-2014

Bandiera della città di Omsk, sulle rive dell'Irtish nella Siberia sud-occidentale, adottata il 20 marzo 2002 e sostituita nel 2014. Bianca con lo stemma al centro. Proporzioni 2/3. Lo stemma, approvato insieme alla bandiera, riprende le prime armi della città risalenti al 1785. Lo scudo è troncato; la parte superiore riproduce parzialmente i simboli della provincia (gubernia) di Tobolsk, di cui Omsk fece parte per un lungo periodo. Si tratta di una piramide d'oro in campo azzurro accompagnata da bandiere, alabarde e tamburi, che ricordano l'importanza militare della città di Tobolsk, storica capitale della Siberia, dotata di un poderoso kremlino. La parte inferiore, con le mura di una fortezza, costituisce il vero e proprio simbolo di Omsk.


dal 2014

Bandiera di Omsk adottata il 16 aprile 2014 e attualmente in uso. Bianca con un motivo orizzontale attraversante rosso, di larghezza pari a 1/4 di quella del drappo, che rappresenta in maniera stilizzata la parte inferiore dello stemma della città. Proporzioni 2/3.


> Russia >                                    > indice città >