AZERBAIGIAN
© Roberto Breschi
Sommario. La parte settentrionale dell’antica provincia persiana dell’Azerbaigian fu occupata dai Russi agli inizi del XIX secolo. Nel 1918, in seguito alla rivoluzione russa, la provincia si dichiarò indipendente, ma nel 1920 cadde in mano ai bolscevichi e nel 1922 fu integrata nella Transcaucasia. Nel 1936 diventò una Repubblica Socialista Sovietica a sé stante. Solo nel 1991 l’Azerbaigian è tornato indipendente e ha ripristinato, con qualche modifica, il tricolore con crescente e stella del 1918.


Repubblica dell'Azerbaigian, Azärbaycan Respublikasi, 1918


Bandiera nazionale adottata il 22 giugno 1918 per la repubblica proclamata il 28 maggio precedente dopo il fallimento della Federazione Transcaucasica. Sostituita pochi mesi dopo. Già bandiera del comitato esecutivo per l'indipendenza (1917) si ispirava a quella della Turchia, nume protettore del nazionalismo azero. Le otto punte della stella rappresentano altrettanti popoli turchi (Azeri, Ottomani, Giagatai, Tatari, Kazaki, Cumani, Selgiucidi e Turcomanni).


Repubblica dell'Azerbaigian, Azärbaycan Respublikasi, 1918-1920


Bandiera nazionale dall'11 settembre 1918 (anche di stato dal 7 dicembre seguente), durò fino al 28 aprile 1920 allorché il parlamento trasferì i poteri ai bolscevichi. Era una riedizione della bandiera del Partito Democratico Turco dell'Uguaglianza (Musavat) del 1917. L'azzurro chiaro era il colore dei nazionalisti turchi, il rosso rappresentava lo sviluppo e il verde la fede islamica.


Repubblica Socialista Sovietica dell'Azerbaigian,
Azerbaidzhanskaija SSR, Azärbayçan Socialist Şura Cumhurijäti, 1921-1925


Bandiera definita "mercantile, navale e da guerra" dalla costituzione entrata il vigore il 19 maggio 1921; modificata nel 1925. Prima bandiera ufficiale della repubblica socialista sovietica. Le iniziali della repubblica in cirillico (A.S.S.R. secondo l'alfabeto latino) erano contenute in un cantone verde, colore dell'islam. In alternativa, il nome del paese poteva figurare per esteso, ma tale versione non fu mai usata.


Repubblica Socialista Sovietica dell'Azerbaigian,
Azärbayçan Socialist Şura Cumhurijäti, 1925-1937



1925-1931



1931-1937
Bandiera di stato, approvata il 14 marzo 1925 e confermata da un emendamento della costituzione del 26 marzo 1927. Le iniziali del nome locale della repubblica apparivano sia nella grafia moderna (turca parzialmente latinizzata) che in quella antica (turco-araba), ma quest'ultima fu tolta il 14 febbraio 1931, e fu anche modificata la terza lettera dell'altra sigla. Un crescente con la stella accompagnava il simbolo della falce e martello. Sostituita nel 1937.


Repubblica Socialista Sovietica dell'Azerbaigian,
Azerbaidzhanskaija SSR, Azärbayçan Socialist Şura Cumhurijäti, 1937-1952



1937-1940


1940-1952
Bandiera di stato prevista dalla costituzione in vigore dal 14 marzo 1937. La sigla in caratteri latini del nome russo della repubblica fu mutata in caratteri cirillici il 20 marzo 1940. Durata fino al 1952.


Repubblica Socialista Sovietica dell'Azerbaigian,
Azerbaidzhanskaija SSR, Azärbaycan Socialist Şura Respublikasi, 1952-1991


Nuova bandiera di stato della repubblica sovietica adottata il 7 ottobre 1952 e rimpiazzata il 5 novembre 1991 dalla bandiera della repubblica indipendente.


Repubblica dell'Azerbaigian, Azärbaycan Respublikasi, dal 1991


Adottata il 5 novembre 1991, la bandiera è valida per tutti gli impieghi civili. Proporzioni 2/3 o 1/2 (preferita nella versione di stato). A differenza della maggior parte delle repubbliche ex-sovietiche già indipendenti, l'Azerbaigian ha apportato sostanziali modifiche alla bandiera del 1918: i simboli sono stati rimpiccioliti e spostati al centro del drappo, così come si presentavano in origine sulla bandiera del Musavat del 1917.



ALTRE BANDIERE

Bandiera del presidente
Bandiera della capitale Baku

>
ALTO KARABAK

> CASPIO CENTRALE
> NAHICEVAN
> TALYSH-MUGHAN

Bibliografia
Flag Bull., XI,1, 1972 e XVIII,6, 1979 - Vexillinfo, 111, 112 e 113 (1989); 120 (1990) - Rivista Marittima, Suppl., 4, 1994 - Archivio CISV, Scheda 35/81


> Indice Europa >              >> Indice generale >>



TALYSH - MUGHAN

© Roberto Breschi
Sommario. I distretti sud-orientali dell'Azerbaigian, abitati dall'etnia iraniana Talysh e sede di un antico kanato, ha cercato a più riprese di costituirsi in stato indipendente. In due occasioni, nel 1919 e nel 1993, è stata proclamata la repubblica; ambedue le volte è durata pochi mesi.


Repubblica Sovietica del Mughan, Muğan Sovet Respublikası, 1919



Bandiera nazionale della repubblica sovietica proclamata il 25 aprile 1919 dai bolscevichi nel sud-est dell'Azerbaigian in funzione anti Musavat e durata solo fino al 23 giugno dello stesso anno, quando fu occupata dagli azeri. Bandiera rossa, come si conviene a uno stato bolscevico.


Repubblica Autonoma Talysh-Mughan
Talystan, Talış-Muğan Muxtar Respublikası
, 1993



Bandiera nazionale dalla repubblica separatista proclamata il 21 giugno 1993 da un gruppo di ufficiali di etnia talysh dell'esercito azero capeggiati dal colonnello Gummatov. Due mesi più tardi, il 23 agosto, l'Azerbaigian ristabilì il controllo sui distretti separatisti e Gummatov fu arrestato e condannato a morte (poi graziato ed esiliato). I colori della bandiera sono quelli dell'Iran alla cui area culturale appartengono i talysh; la stella e il crescente sono simboli azeri e dimostrerebbero la volontà degli insorti di ottenere l'autonomia senza rompere col governo centrale. Proporzioni 1/2 con la striscia centrale doppia delle altre.

> AZERBAIGIAN

Bibliografia
Franciae Vexilla, 44, 1997 - Internet (Vexillographia)


> Indice Europa >              >> Indice generale >>