ITALIA - Bandiere di Capo di Stato

© Roberto Breschi

Regno d'Italia, 1861-1880





Vittorio Emanuele II, re d'Italia dall'unità (1861) fino al 1878, mantenne, sembra con quache aggiustamento, lo stendardo reale sardo. Fu sostituito nel 1880. Era un drappo bianco con un largo bordo azzurro con al centro le armi reali. Queste consistevano nello scudo di Savoia con accollato un trofeo di quattro bandiere di stato e il collare dell'Ordine Supremo della SS. Annunziata - già Ordine del Collare, istituito da Amedeo VI nel 1362 - col complicato pendente formato da nodi di Savoia racchiudenti una rappresentazione dell'Annunciazione dell'Angelo a Maria. Occorre precisare che quello rappresentato è un modello probabile, le cui caratteristiche, forse variabili, non sono del tutto accertate, incluse le proporzioni del drappo, forse 3/4.


Regno d'Italia, 1880-1946




[ ingrandire ]
Stendardo reale introdotto con decreto regio il 28 novembre 1880. Voluto da re Umberto I (1878-1900), attraversò praticamente inalterato tutto il periodo monarchico, passando per il regno di Vittorio Emanuele III (1900-1946) fino all'esilio del «re di maggio» Umberto II (1946). Sul drappo quadrato azzurro, colore dei Savoia, si staglia l'aquila nera, coronata, recante sul petto uno scudo savoiardo ovale, ripresa da vessilli reggimentali del XVIII secolo. L'aquila è inscritta entro il collare dell'Ordine della SS. Annunziata, già presente sul precedente stendardo. Quattro coroncine sono poste negli angoli del drappo.


Repubblica Italiana, 1965-1990



Stendardo del presidente della Repubblica formalizzato il 22 settembre 1965, in uso fino al 1990. Drappo quadrato con emblema alto 3/5 del lato. La prima distinta bandiera presidenziale fu introdotta da Giuseppe Saragat (1964-1971) ben 17 anni dopo l'adozione dei simboli repubblicani. Tra questi lo stemma - riprodotto in oro sullo stendardo - che fu approvato il 5 maggio 1948 (v. sito del CISV). I primi quattro presidenti, De Nicola, Einaudi, Gronchi e Segni alzavano il semplice tricolore. I successori di Saragat, Giovanni Leone (1971-1978) e Sandro Pertini (1978-1985), non ritennero di cambiare lo stendardo.


Repubblica Italiana, 1990-1992



Stendardo presidenziale decretato il 22 marzo 1990 e sostituito nel 1992. Drappo quadrato con bordo azzurro largo 1/8 del lato. Il nuovo modello fu adottato per iniziativa del presidente Francesco Cossiga (1985-1992), appassionato di vessilli, e servì solo nell'ultimo scorcio del mandato presidenziale. La presenza del tricolore nel campo azzurro fu ritenuta più rappresentativa rispetto all'emblema di stato.


Repubblica Italiana, 1992-2000



Il presidente Oscar Luigi Scalfaro (1992-1999), con decreto del 2 giugno 1992, riprendeva il modello originario dello stendardo, introducendo la sola modifica delle dimensioni dell'emblema,  pari in larghezza a 1/3 del quadrato. Sostituito nel 2000 durante la  presidenza Ciampi.


Repubblica Italiana, dal 2000



Stendardo decretato il 9 ottobre 2000 dal presidente Carlo Azeglio Ciampi (1999-2006) e attualmente in uso. Bordo azzurro pari a circa 1/10 del lato del quadrato. Ispirato ai vessilli della Repubblica Italiana napoleonica (1802-1805). Sembra che il disegno sia stato rinnovato per meglio differenziare la bandiera presidenziale da quella europea che sempre l'accompagna, insieme al tricolore. I presidenti Giorgio Napolitano (2006-2015) e Sergio Mattarella (2015-) hanno mantenuto immutata la bandiera.



Repubblica Italiana, dal 1986




Stendardo del presidente supplente della Repubblica introdotto per volontà di Francesco Cossiga all'inizio del 1986. Drappo quadrato, bianco con bordo azzurro (largo 1/8 del lato) con emblema in argento. La supplenza spetta al presidente del Senato in caso di assenza temporanea del presidente in carica (es. visite all'estero) o mancanza di un titolare (dimissioni anticipate, decesso). Hanno usato lo stendardo per mancanza del presidente, Giovanni Spadolini (1992), Nicola Mancino (1999) e Pietro Grasso (2013 e 2015) e, per brevi assenze, anche C. Scognamiglio, M. Pera, F. Marini e R. Schifani oltre ai già citati Spadolini e Mancino.



Repubblica Italiana, dal 2001




Stendardo del presidente emerito della Repubblica, decretato il 17 maggio 2001 su iniziativa di F. Cossiga. Drappo quadrato, verde-rosso a quarti alterni con un rombo bianco esteso fino ai quattro lati e caricato della cifra d'onore della Repubblica in azzurro coronata d'oro. Essendo stato adottato nel 2001 ne hanno usufruito i presidenti Giovanni Leone (2001), Francesco Cossiga (dal 2001 al 2010) e Oscar L. Scalfaro (dal 2001 al 2012), e ne usufruiscono i presidenti Carlo Azeglio Ciampi (dal 2006) e Giorgio Napolitano (dal 2015).


Bibliografia
Vexilla Italica, 2, 1990; 1 e 2, 1992; 2, 2001; 1, 2003; 2, 2005 - Rivista Marittima, Suppl., 4, 1992 - R. Annibaldi, in litteris - Raccolta delle bandiere, fiamme, insegne, Ministero della Marina, 1900 e altre opere a carattere generale.


< ritorno a Italia <