IRLANDA
© Roberto Breschi
Sommario. A partire dal IX secolo l’Irlanda fu teatro di invasioni e scorrerie prima dei Vichinghi poi di avventurieri inglesi. Nel 1310 fu costituito un parlamento locale e successivamente gli inglesi vennero allontanati da quasi tutto il territorio. Ma sotto i Tudor cominciò la riconquista e con Enrico VIII, che si fece proclamare anche re d’Irlanda, si compì l’unione dinastica. Seguirono aspre lotte religiose che portarono alla anglicanizzazione dell’Ulster e alla discriminazione dei cattolici. Le già dure condizioni si aggravarono quando le speranze suscitate dalla rivoluzione francese furono spente nel 1801 con l’integrazione nel Regno Unito. Nel XIX secolo i movimenti che si proponevano di liberare l’Irlanda dal regime quasi colonialista di Londra ripresero vigore e portarono nel 1919 alla proclamazione dello Stato Libero d'Irlanda, autonomo, e nel 1937 all’indipendenza dell’Eire o Repubblica d’Irlanda. L’Ulster, nel nord dell’isola, a maggioranze protestante, continuò invece a far parte del Regno Unito. Il tricolore irlandese, dovette vincere la popolarità della più antica bandiera con l'arpa, per diventare simbolo nazionale.


Ireland, c.1685-1801


Bandiera che appare per la prima volta su una piccola tavola del 1685 (William Downman) e successivamente su varie altre carte. Da molti ritenuta improbabile per l'accostamento di simboli "nemici", come la croce di San Giorgio inglese e l'arpa in campo verde irlandese (peraltro rappresentata "all'inglese", antropomorfa). Tale accostamento rappresentava l'Irlanda, non come parte del Regno Unito, bensì direttamente soggetta all'Inghilterra.


Ireland, 1801- ?


Sulle carte posteriori del XIX secolo, la precedente "Green Ensign" è rappresentata con l'Union Jack nel cantone. Infatti nel 1801 l'Irlanda era entrata a far parte del Regno Unito. Tale bandiera potrebbe essere sopravvissuta fino alla nascita dello Stato Libero, ancorché alzata assai sporadicamente (dai britannici, non dagli irlandesi) in occasioni speciali, come giubilei o incoronazioni. Un esemplare originale è stato rintracciato nel 1996 in un museo dello Zimbabwe.


Ireland, 1801-1921


Bandiera con la croce di San Patrizio, "inventata" nel 1801, quando l'Irlanda fu integrata nel Regno Unito. Mai usata, né sentita, come simbolo nazionale, servì per rappresentare l'Irlanda sul nuovo Union Jack. Nel 1921, dopo che fu istituito lo Stato Libero su gran parte dell'isola, perse la sua funzione, anche se restò sull'Union Jack. Nome a parte, la croce non era legata ad alcun fatto della vita di san Patrizio, nato verso la fine del IV secolo, missionario scozzese in Irlanda e patrono del paese. Essa fu invece tratta dall'arma della potente famiglia locale dei Geraldines.


Eire, Éire, Ireland, da c.1650



La tradizionale bandiera verde con l’arpa d’oro, derivata dallo stemma della contea di Leinster, fu alzata dai nazionalisti durante la rivolta del 1798. L’arpa è simbolo irlandese almeno dal XVI secolo (Enrico I, 1542) ma, secondo la tradizione, risalirebbe a Brian Boru, un mitico re dell’XI secolo. La bandiera non è posteriore alla metà del XVII secolo. Sebbene molto popolare, al momento dell’adozione della bandiera nazionale (1919), le fu preferito il tricolore. Oggi, a parte alcune differenze secondarie, è ancora la bandiera della provincia di Leinster e, dal luglio 1947, è usata come bandiera di bompresso. Col campo blu è lo stendardo presidenziale.  Non è chiaro se l’arpa alata antropomorfa in campo blu, che rappresenta l’Irlanda nel terzo quarto dello stendardo reale britannico, abbia o meno la stessa origine.


Stato Libero d'Irlanda, Saorstát Éireann, Dominion of Ireland, 1919-1937
Repubblica d'Irlanda, Eire, Poblacht Na h'Éireann, Republic of Ireland, dal 1937


Bandiera valida per tutti gli impieghi, ufficialmente riconosciuta dalla costituzione del 29 dicembre 1937, ma già proclamata bandiera nazionale il 21 gennaio 1919, alla formazione dello Stato Libero. Suggerita nel 1848 da esponenti del movimento pacifista dei Giovani Irlandesi, ispirati dal tricolore francese. Il verde era il colore del nazionalismo cattolico mentre l'arancione era quello di Guglielmo d'Orange, eroe del protestantesimo. Il bianco centrale simboleggiava l'ideale di fraternità e di pace che avrebbe dovuto unire le due parti.



ALTRE BANDIERE

Bandiera del  presidente
Province storiche
Bandiere della capitale e delle città principali

>
REGNO UNITO


Bibliografia
C. Clark, The Flags of Britain, 1934 - G.A. Hayes-McCoy, The History of Irish Flags from Earliest Times, 1979 - Flag Bull., 182, 1998 - Flagmaster 101, 2001


> Indice Europa >              >> Indice generale >>