HONG KONG
© Roberto Breschi
Sommario. Hong Kong era una piccola isola prossima alla costa meridionale cinese, abitata da pochi pescatori, quando nel 1842 fu ceduta al Regno Unito che ne fece una colonia. Da allora cominciò la sua fortuna, diventò un porto attivissimo e fu ingrandita mediante l’acquisto della adiacente penisola di Kowloon nel 1863 e con altri territori (New Territoires), presi nel 1898 in affitto dalla Cina. Poiché il contratto d’affitto aveva una validità di 99 anni, nel 1997 la colonia è tornata alla Cina, assumendo lo status di regione ad amministrazione speciale che prevede particolari forme di autonomia.


Colonia Britannica di Hong Kong, Crown Colony of Hong Kong, 1866/69-1959





Bandiera di stato, introdotta tra il 1866 e il 1869, vale a dire negli anni delle prime concessioni alle colonie britanniche dell'uso di propri emblemi (badges). Era l'insegna blu, con un badge al battente raffigurante una scena portuale con un tre alberi e una giunca alla fonda in una rada; in primo piano alcuni mercanti stanno discutendo presso alcune balle di tè. Sostituita nel 1959, quando furono assegnati alla colonia un nuovo stemma e un nuovo badge.


Colonia Britannica di Hong Kong,
Crown Colony of Hong Kong, Xianggang
, 1959-1997




   
Bandiera di stato introdotta il 21 gennaio 1959 allorché un decreto reale assegnò alla colonia un nuovo emblema. Ammainata alla mezzanotte del 30 giugno 1997, nel momento del passaggio alla Cina come "regione ad amministrazione speciale". Lo stemma compreso nel badge mostra due giunche; lo scudo è retto dal leone britannico e dal drago cinese ed è posto su un'isola verde circondata dalle onde, che rappresenta il nucleo originale della colonia.


Xianggang, dal 1997



Bandiera della regione cinese ad amministrazione speciale alzata all'ora zero del 1° luglio 1997, nell'istante del passaggio di consegne dal Regno Unito alla Cina. L'emblema centrale rappresenta un fiore di bauhinia (dal nome dei fratelli botanici svizzeri Jean e Caspar Bauhin). Questo fiore è il simbolo della città e sin da circa il 1965 compariva, con colori e disegno differenti, sugli emblemi dell'Urban Council. Il campo rosso e le cinque stelle richiamano la bandiera e la sovranità cinesi.


> CINA

Bibliografia
E.M.C. Barraclough, Flags of the World, edizioni varie - Gaceta de Banderas, 38, 1997







MACAO
© Roberto Breschi
Sommario. Il territorio di Macao, poco lontano ad ovest di Hong Kong, fu ceduto in affitto dall’impero cinese al Portogallo nel 1557. In virtù degli accordi del 1987 è tornato sotto sovranità cinese alla fine del 1999; tuttavia ancora per cinquant’anni godrà di speciale autonomia amministrativa.


Macau, Aomen, c. 1976-1999


La bandiera di stato ufficiale sotto l'amministrazione portoghese era quella del Portogallo. Tuttavia alcuni vessilli semiufficiali entrarono in uso dopo il 1976, anno in cui fu concessa al territorio una forma di autonomia. È nota ad esempio, una bandiera governativa, azzurra con l'emblema locale (in versione leggermente modificata) concesso nel 1935. Essa ha spesso rappresentato Macao in manifestazioni sportive internazionali. Il campo azzurro era tradizionalmente quello dell'insegna civica della capitale (Cidade de Santo Nome de Deus de Macau), sulla quale figurava lo stemma portoghese retto da due angeli.


Macau, Aomen, dal 1999 (1994)


Bandiera predisposta per il ritorno della provincia portoghese alla Cina come "regione amministrativa speciale", avvenuto il 20 dicembre 1999; adottata, e già in uso, dai primi mesi del 1994. Le cinque stelle gialle richiamano quelle della bandiera cinese. Il fiore di loto simboleggia la futura prosperità di Macao e i suoi tre petali rappresentano le tre isole da cui è formato il territorio. Nella parte inferiore è riconoscibile un ponte stilizzato sulle onde del mare, che ricorda i tratti caratteristici di Macao. È una delle rarissime bandiere di campo verde in Asia orientale.


> CINA

Bibliografia
Embl. et Pavillons, 41, 1994 - Riv. Marittima, Suppl., 6, 1996







WEIHAIWEI
© Roberto Breschi
Sommario. Weihaiwei, porto cinese sulla costa settentrionale dello Shantung (Shan-dong), fu acquisito nel 1898 dal Regno Unito per presidiare le rotte commerciali nel mar Giallo. Restituito alla Cina nel 1930.


Territorio Britannico di Weihaiwei, British Territory of Weihaiwei, 1898-1930





Bandiera del territorio (di stato in mare) durante l'occupazione britannica (1898-1930). Blue Ensign con badge raffigurante una coppia di anatre mandarine (Aix galericulata) ai bordi di uno stagno.


> CINA

Bibliografia
National Geographic Mag., XXXII,4, 1917 - Vexillinfo, 108, 1989