ALABAMA
© Roberto Breschi
Sommario. Fu Alvarez de Piñeda il primo europeo ad alzare per la Spagna una bandiera sull'Alabama, che successivamente diventò possedimento francese e quindi inglese. Passato agli Stati Uniti nel 1783, ne diventò il 22° stato il 14 dicembre 1819. Stato schiavista, all'inizio del 1861 fu tra i primi ad emettere un decreto di secessione dichiarandosi repubblica indipendente e aderendo poco dopo alla Confederazione sudista. Fu riammesso negli Stati Uniti nel 1868.


Republic of Alabama, 1861






 


Bandiera alzata dalla repubblica secessionista indipendente prima dell’adesione alla Confederazione del sud, vale a dire tra l’11 gennaio e l’8 febbraio 1861. Differente sui due lati. Sul recto figurava un’allegoria della Libertà vestita di rosso con la spada nella destra ed una bandiera (una Bonnie Blue) nella sinistra; in alto, il motto Independent now and forever, “Indipendente ora e sempre”. Sul verso c’era una pianta di cotone con un serpente e il motto latino Noli me tangere, “Non mi toccare”.


State of Alabama, dal 1895



Bandiera di stato disegnata nel 1891 e adottata il 16 febbraio 1895. Drappo quadrato. Se non nei colori, richiama nel disegno e nelle proporzioni la bandiera da guerra dei sudisti.



ALTRE BANDIERE

Bandiera della città principale: Birmingham

>
STATI DELL'UNIONE (Indice)

Bibliografia
W. Smith, The Flag Book of the United States, 1970 - D.D. Cannon, The Flags of the Confederacy, 1988







GEORGIA
© Roberto Breschi
Sommario. I primi coloni inglesi giunsero in Georgia nel 1733, mandati colà da Giorgio II (da cui il nome) perché costituissero un baluardo contro gli spagnoli della Florida e i francesi della Louisiana. Dopo la guerra d'indipendenza, fu il quarto stato a sottoscrivere la costituzione (2 gennaio 1788) ma nel 1861 fu anche tra i primi stati a dichiararsi repubblica indipendente e a entrare subito dopo nella Confederazione del Sud. Finita la guerra fu di nuovo elevato a stato dell'Unione nel 1870. Le vicende vessillologiche della Georgia sono tra le più tormentate.


Republic of Georgia, 1861






Bandiera issata sul campidoglio di Milledgeville (a sud est di Atlanta) durante il periodo dell’indipendenza, tra il 19 gennaio e l’8 febbraio 1861, cioè tra la secessione dagli Stati Uniti e l’adesione alla Confederazione sudista. In evidenza una rappresentazione dell’emblema di stato: l’arco della Costituzione sorretto dai tre pilastri della Giustizia, della Saggezza e della Moderazione e guardato da una sentinella armata. Il campo era bianco, ma esistevano anche versioni rosse (un esemplare di questo colore è conservato al Museum of the Confederacy a Richmond).


State of Georgia, fino al 1879



Bandiera introdotta in epoca imprecisata e non supportata da alcun decreto legislativo. Sostituita nel 1879. Simile alle bandiere col campo bianco o rosso, usate all’inizio della guerra civile, con l’emblema dell’edificio costituzionale tratto dal sigillo di stato, approvato nel 1799.


State of Georgia, 1879-1905


Bandiera di stato d’impiego generale introdotta il 17 ottobre 1879 e modificata nel 1905. Il disegno richiamava quello della bandiera della Confederazione sudista dal 1861 al 1863.


State of Georgia, 1905-1956



Bandiera di stato d’impiego generale adottata il 22 agosto 1905 e modificata nel 1956. Rispetto alla precedente bandiera, è presente sulla striscia blu il sigillo di stato. Esso fu creato nel 1799; da allora è inalterato, salvo piccole modifiche introdotte nel 1914 (in origine riportava il 1799, anno della costituzione della Georgia, che fu cambiato in 1776, anno dell’indipendenza degli Stati Uniti), che si rifletterono sulla bandiera.


State of Georgia, 1956-2001



Bandiera di stato d’impiego generale adottata il 13 febbraio 1956, in uso effettivo dal 1° luglio successivo. Ferma restando la striscia verticale blu con il sigillo di stato, al posto delle strisce orizzontali figurava la Southern Cross, in onore degli oltre centomila soldati georgiani che militarono nell’esercito sudista. Ma proprio la presenza di tale simbolo, sul finire del XX secolo, fu oggetto di forti contestazioni che portarono alla sostituzione della bandiera nel 2001.


State of Georgia, 2001-2003


Bandiera alzata ufficialmente per la prima volta il 31 gennaio 2001 e sostituita nel 2003. Fu creata sotto la spinta di un movimento d’opinione avverso al precedente modello a causa della presenza della croce sudista. Disegno non molto felice, appesantito da simboli e iscrizioni. Il sigillo di stato è circondato dalle tradizionali tredici stelle. Sul largo cartiglio, sotto la scritta Georgia’s History, sono riprodotte ben cinque bandiere storiche: la prima e l’ultima Stars and Stripes dell’Unione e, tra queste, tre precedenti bandiere georgiane. Lungo il bordo inferiore del drappo, c’è il motto In God we Trust. Un sondaggio promosso dalla NAVA la elesse la più brutta bandiera nordamericana e, in pratica, ne decretò la fine.


State of Georgia, dal 2003


Bandiera adottata il 25 aprile 2003 sulla spinta delle critiche al precedente modello soprattutto di natura estetica. Proporzioni 5/8. È un riarrangiamento di tradizionali colori e simboli già apparsi in passato sulle bandiere georgiane. Il miglioramento estetico rispetto al modello sostituito non è clamoroso.



ALTRE BANDIERE

Bandiera della capitale Atlanta

>
STATI DELL'UNIONE (Indice)

Bibliografia
National Geographic Mag., XXXII, 4, 1917 - W. Smith, The Flag Book of the United States, 1970 - D.D. Cannon, The Flags of the Confederacy, 1988 - Raven, 8, 2001 - NAVA News, 33, 3/4, 2000 e 177, 2003