BALEARI
Isole Baleari, Islas Baleares, Illes Balears


1978-1983


1978-1983, variante
La bandiera della città di Palma e dell'isola di Maiorca, risalente al 1906, corrisponde alla senyera catalano-aragonese con una larga striscia porpora all'asta recante in bianco il famoso castello dell'Almudaina, con un angelo sulla torre centrale, detta appunto "torre dell'angelo". In seguito all'ottenimento dello status di pre-autonomia regionale (13 giugno 1978), tale bandiera fu considerata valida per tutte le isole Baleari. Le altre isole non accettarono di buon grado la situazione e preferivano usare le loro bandiere particolari o una variante della precedente bandiera, con la striscia porpora priva del castello.



Con la legge organica del 25 febbraio 1983 si costituiva la comunità autonoma delle Baleari e si adottava la bandiera. Era ancora il vessillo giallo con le quattro strisce rosse con il castello di Almudaina (senza l'angelo sulla torre). Era chiaramente ispirato alla bandiera di Maiorca sul cui castello, il 31 dicembre 1228, fu alzato per la prima volta lo stendardo a strisce gialle e rosse di Giacomo I di Aragona che aveva conquistato la città agli arabi. Il castello apparve nel 1312 sulle bandiere di Maiorca, allora regno vassallo dell'Aragona, per volere di Sancio I ("sit signum castri albi in livido").
Bibliografia - Flagmaster, 27, 1979 - Banderas, 7, 1983; 10, 1984; 14, 1985


> Spagna >                                    > indice comunità >

VALENCIA
Comunità Valenciana, Comunidad/Comunitat Valenciana


1978-1979


1979-1982
Con il conseguimento dello statuto di pre-autonomia (17 marzo 1978), il País Valenciano alzò in via provvisoria una bandiera gialla con quattro strisce rosse e un pannello azzurro chiaro all'asta; era una versione semplificata delle senyera coronada, la bandiera della città di Valencia. Nel 1979 il consiglio regionale adottò una bandiera ufficiale corrispondente a quella catalana con lo stemma regionale al centro (su cinque o sette strisce) costituito da uno scudo inclinato, con i quattro pali rossi aragonesi in campo d'oro, timbrato da un elmo a becco di passero con mantello azzurro caricato dalla croce fitta di Arista, e cimato da un drago nascente da una corona aperta. La bandiera risultò sgradita alla popolazione che la rifiutò, tanto che dopo il 1980 era praticamente scomparsa.


Bandiera prevista dallo statuto della comunità valenciana (legge 1° luglio 1982). Proporzioni non definite (normalmente 2/3, ma anche 1/2). Corrisponde alla bandiera della città di Valencia e deriva anch'essa dai vessilli catalano-aragonesi a strisce gialle e rosse. È detta "bandiera coronata" per l'ornamento vicino all'asta, in relazione al diritto di fregiarsi di corona reale concesso a Valencia da Pietro il Cerimonioso nel 1377. Bandiere di Valencia recanti una corona apparvero per la prima volta su un portolano del 1410, mentre il colore azzurro, di incerto significato, è citato a cominciare dai primi anni del XVI secolo.



Una bandiera cremisi filettata d'oro con lo stemma regionale al centro è alzata sulla sede del consiglio regionale (Generalitat) a fianco della bandiera della comunità. Si tratta dello stendardo del consiglio, che puà essere utilizzato solo da quest'ultimo sempre insieme alla senyera coronada. Fu adottato con legge del 13 dicembre 1984.

Bibliografia - Flagmaster, 35, 1982 - Banderas, 13, 1984; 14, 1985

> Spagna >                                    > indice comunità >

ARAGONA
Aragón, Aragó


1977-1978
Bandiera adottata in via provvisoria nel 1977 dal consiglio regionale e sostituita nell'aprile 1978 con l'ottenimento dello status di pre-autonomia. Le quattro strisce rosse erano portate in verticale come sull'antico stemma araldico. Vicino all'asta, uno stretto pannello bianco (circa 2/11 del drappo) con la croce di San Giorgio. 

1978-1984


dal 1984


Bandiera adottata nell'aprile 1978 dalla Diputación General della regione appena dotata (marzo 1978) di uno status di pre-autonomia. Confermata dalla legge statutaria della comunità autonoma del 10 agosto 1982. Proporzioni 2/3; lo stemma, su cinque strisce, al centro del drappo. Una nuova legge del 28 giugno 1984, precisando le caratteristiche, spostava l'asse dello stemma verso l'asta a 1/3 della lunghezza. Le quattro strisce rosse in campo giallo richiamano lo storico Senyal Real già sui sigilli del re Alfonso II dal 1167 e oggi presenti sui simboli delle comunità autonome un tempo unite sotto la corona aragonese (Baleari, Catalogna, Valencia). Lo stemma, nella forma inquartata, risale alla fine del XV secolo; i quarti illustrano vari periodi della storia locale. Nel 1° l'albero con la croce del leggendario regno di Sobrarbe (XI secolo); nel 2° la croce fitta di Iñigo Arista, re di Pamplona (VIII-IX secolo); nel 3° la croce di San Giorgio con i quattro mori, dell'Aragona del XIV secolo e del dominio sardo; nel 4° i pali rossi in campo oro propri del paese.

Bibliografia - Flag Bull., XVI:6, 1977 - Flagmaster, 35, 1982 - Banderas, 12 e 13, 1984

> Spagna >                                    > indice comunità >

NAVARRA
Comunidad Foral de Navarra, Nafarroako Foru Komunitatea




Dal 1910, quando fu approvata dalla Diputación Foral, la bandiera navarrina è sempre stata rossa con lo storico scudo al centro. Tuttavia (v. sotto) tra il 1931 e il 1981 tale scudo subì alcune modifiche secondarie. Con legge del 10 agosto 1982, la comunità autonoma ha adottato ufficialmente la bandiera. Lo stemma fu assunto nel 1212 da re Sancio di Navarra, dopo la vittoria sui mussulmani a Las Navas di Tolosa. Ha il campo rosso, e mostra una catena d'oro con otto bracci fissati al centro da uno smeraldo. La catena ricorda quella che proteggeva la tenda del re moro sconfitto, Miramomolino, che Sancio spezzò con la spada, e lo smeraldo, quello che lo stesso re aveva sul turbante.


1931-1937


1937-1981

Lo scudo che compare sulla bandiera è timbrato di corona reale, in ricordo dell'antico regno di Navarra; ma dal 1931 al 1937, nel periodo della seconda repubblica spagnola, analogamente a quanto accadde allo stemma della Spagna, la corona reale fu sostituita da quella murale repubblicana. Col ritorno del regime franchista la corona reale fu ripristinata ma allo scudo fu accollata la croce laureata di San Fernando, concessa dal regime alla regione. Nel 1981 si tornò alla versione tradizionale.

Bibliografia - Flagmaster, 35, 1982 - Banderas, 20, 1986

> Spagna >                                    > indice comunità >