ESTONIA
© Roberto Breschi
Sommario. Invasa dai danesi e dai germani nel 1277, l’Estonia fu governata dall’Ordine Teutonico (XIV secolo) fino all’occupazione svedese (XVI secolo). Fu assoggettata dai russi nel 1721. Diventò indipendente nel 1918 in seguito allo scoppio della rivoluzione russa ma nel 1940 tornò all’Unione Sovietica, di cui costituì una Repubblica Socialista Sovietica fino al crollo del sistema e alla nuova indipendenza (1991). Nel 1988, tre anni prima di tornare indipendente, l’Estonia ripristinò l’antico tricolore blu-nero-bianco adottato nel 1920.


Repubblica di Estonia, Eesti Vabariik, 1920-1940 e dal 1988


Bandiera nazionale, mercantile e di stato dal 4 luglio 1920 al 21 giugno 1940. Fino al 1926 anche bandiera della marina da guerra. Il 6 luglio 1988 fu dichiarata bandiera nazionale e issata di nuovo sul castello di Toompea il 2 febbraio 1989, ancor prima della seconda indipendenza. Dall'8 maggio 1990 (la legge è del 16 ottobre) è anche bandiera di stato. Proporzioni 7/11. I tre colori derivano direttamente da una bandiera di un'associazione studentesca, Vironia, e sono legati ad aspetti naturalistici (il cielo e le acque, il suolo, le nevi); sono anche associati alla rondine e al fiordaliso, simboli nazionali.


Repubblica di Estonia, Eesti Vabariik, 1926-1940 e dal 1993


Bandiera della marina da guerra in uso dal 1926 al 1940. Ripresa il 1° luglio 1993 allorché si ricostituì la marina militare estone; non fu necessario alcun particolare decreto poiché, col ritorno dell'indipendenza, furono dichiarati nulli tutti i provvedimenti intercorsi negli anni dell'occupazione sovietica (1940-1990). Proporzioni 7/13. Lo stemma di stato (che nella versione completa e circondato da fronde di quercia d'oro) è posto al centro tra l'inferitura e i vertici dell'intaglio.


Repubblica Socialista Sovietica di Estonia,
Eesti Nöukogude Sozialistik Vabariik
, 1940-1953


Bandiera di stato adottata il 25 agosto 1940 e sostituita nel 1953. Iniziali in caratteri latini del nome della repubblica in estone, con falce e martello.


Repubblica Socialista Sovietica di Estonia, Aistonskaija SSR, Eesti NSV, 1953-1990


Bandiera di stato della repubblica socialista sovietica, adottata il 6 febbraio 1953. Affiancata dal tricolore nazionale già in uso fino al 1940 e da questo sostituita del tutto il 16 ottobre 1990. Le strisce ondulate alludono al mar Baltico e ai laghi estoni.



ALTRE BANDIERE

Bandiere presidenziali
Bandiera di bompresso
Bandiere della capitale e delle principali città

Bibliografia
Flag Bull., XI:1, 1972 - K.A. Ivanov, Flagi gosudastv mira, 1971 - Rivista Marittima, Suppl., 4, 1994 - Flagmaster, 60, 1988 - K. Aun, "The Estonian Flag", 1984, traduz. in inglese del 2010 - Archivio CISV, scheda 34


> Indice Europa >              >> Indice generale >>