SIRIA
© Roberto Breschi
Sommario. La Siria fu presa dagli arabi ai bizantini nel 636; dopo una breve riconquista cristiana (tra l’XI e il XIII secolo) subì le invasioni mongole e di Tamerlano e alla fine, nel 1516, fu conquistata dagli ottomani. Nella seconda metà del XIX secolo cominciarono a farsi sentire le istanze nazionalistiche. Crollato l’Impero turco, Feisal, figlio del re dell’Hegiaz, nel 1918 occupò Damasco e, nel 1920, proclamò il regno hascemita che comprendeva anche Libano e Palestina. Nello stesso 1920 i francesi inflissero una sconfitta decisiva a Feisal che fu costretto alla fuga. La Società delle Nazioni concesse alla Francia un mandato fiduciario su Libano e Siria e tra il 1922 e il 1924, attraverso modifiche e ripensamenti, i francesi dettero alla Siria una struttura federale di stati autonomi: Aleppo, Damasco, Alauiti, Gebel Druso. Nel 1930 la Siria diventò una repubblica, ma la Francia avrebbe accettato la fine del mandato solo nel 1936. Il dopoguerra vide il paese, ottenuta la piena indipendenza, alle prese con colpi di stato e dittature personali. Finalmente, nel 1954 si instaurò un regime parlamentare democratico. Nel 1958 Siria ed Egitto costituirono la Repubblica Araba Unita (RAU), che si sciolse dopo solo tre anni. Nel 1971 salì al potere Assad: vi sarebbe restato fino alla morte, avvenuta nel 2000.


Regno di Siria, Al-Mamlaka as-Suriya, 1920



Bandiera nazionale adottata l'8 marzo 1920 con la proclamazione del regno di Feisal e abolita il 25 luglio successivo in seguito alla sconfitta da parte dei francesi. Proporzioni 1/2. Era la bandiera hascemita con i colori panarabi scelta da Hussein, il padre di Feisal, con in più la stella, che alludeva al fatto che la Siria era il primo regno hascemita derivato da quello dell'Hegiaz.


Syrie, 1920



Prima bandiera di stato apparsa dopo la sconfitta di Feisal da parte dei francesi (Khan-Meissaloun, 24 luglio 1920) e la sua fuga in Iraq. Abolita dopo pochi giorni, ai primi di agosto.


Federazione della Siria, Fédération de Syrie, 1922-1930
Repubblica di Siria, République de Syrie, Al-Jamhuriya as-Suriya, 1930-1932


Bandiera di stato e mercantile della federazione formata dagli stati autonomi di Aleppo e Damasco (a loro volta federati nel 1924), dal territorio degli Alauiti e dallo stato del Gebel Druso aggiuntosi nel 1924. In vigore dal 28 giugno 1922. Allo scioglimento della federazione (14 maggio 1930) fu confermata dallo stato repubblicano fino al 1° gennaio 1932. In questo caso il tricolore, che rappresentava il mandato francese, aveva grande rilievo occupando l'intero primo quarto del drappo.


Stato Autonomo di Siria, As-Suriya, 1924-1930



Bandiera di stato adottata alla fine del 1924 dallo "Stato autonomo di Siria", frutto della fusione tra gli stati di Damasco e Aleppo e che comprendeva più di tre quarti del territorio dell'intera federazione. Non durò oltre il 14 maggio 1930, allorché la federazione si trsformò in repubblica.


Repubblica di Siria, Al-Jamhuriya as-Suriya,
République de Syrie
, 1932-1958 e 1961-1963


Bandiera nazionale, mercantile e, dal 1946, della marina militare. Alzata ad Aleppo il 1° gennaio 1932 restò immutata, nonostante le vicende legate alla fine del mandato francese e alla seconda guerra mondiale, fino al 31 gennaio 1958, vigilia della formazione con l'Egitto della Repubblica Araba Unita. Ripresa il 30 settembre 1961 in seguito al dissolvimento dell'unione e sostituita in via definitiva l'8 marzo 1963. Proporzioni 1/2. I colori erano quelli panarabi già presenti sulla bandiera di Feisal del 1920. Le tre stelle rosse (che per i primi mesi, fino al giugno 1932, erano inclinate) rappresentavamo i distretti (vilayet) di Damasco, Aleppo e Deir-ez-Zor.


Repubblica Araba di Siria, Al-Jamhuriya al-'Arabiya as-Suriya, 1963-1971


Bandiera nazionale, mercantile e della marina militare adottata l'8 marzo 1963 in seguito al colpo di stato dei filoegiziani del partito Ba'th e sostituita il 31 dicembre 1971. Proporzioni 1/2. Le tre stelle verdi simboleggiavano l'aspirazione a costituire una nuova unione araba tra Siria, Egitto e Iraq.


Repubblica Araba di Siria, Al-Jamhuriya al-'Arabiya as-Suriya, 1972-1980





Bandiera nazionale, mercantile e della marina militare adottata il 1° gennaio 1972 in concomitanza con Egitto e Libia che con la Siria formavano l'Unione delle Repubbliche Arabe. Abolita il 30 marzo 1980 a causa della rottura con l'Egitto di Sadat che aveva concluso trattati di pace con Israele. In Egitto sopravvisse fino al 1984, mentre in Libia era già stata cambiata nel 1977. Il falco d'oro, emblema dei Quraisciti, sostituì le stelle verdi, eliminando così uno dei colori panarabi. Il cartiglio artigliato dal falco portava la scritta Ittihad al-Jamhuriat al-Arabiya, Unione delle Repubbliche Arabe. La bandiera si identificava con quella dell'Unione (le bandiere dell'Egitto e della Libia ne differivano solamente per una piccola scritta col nome del paese sotto il cartiglio).


Repubblica Araba di Siria, Al-Jamhuriya al-'Arabiya as-Suriya, 1958-1961 e dal 1980


Bandiera nazionale e mercantile (dal 1980 anche della marina militare) adottata il 1° febbraio 1958, giorno della nascita della Repubblica Araba Unita (RAU) tra Siria ed Egitto. Sostituita il 30 settembre 1961, fu ripresa il 30 maggio 1980 ed è tuttora in uso. La bandiera derivava da quella precedentemente in vigore per trasposizione del verde col rosso ed eliminazione di una stella. Le proporzioni passarono gradualmente da 1/2 a 2/3. Nel periodo della RAU le due stelle alludevano alla Siria e all'Egitto. Oggi ovviamente tale simbolismo non è più valido; non se ne conosce tuttavia uno nuovo.


Repubblica Araba di Siria, Al-Jamhuriya al-'Arabiya as-Suriya, 1958-1961






Bandiere da guerra, in vigore nel periodo della Repubblica Araba Unita (1958-61). Erano derivate dalla bandiera di stato: per l'uso terrestre, c'erano due sciabole in decusse nel cantone, mentre l'insegna della marina militare portava due àncore nella stessa posizione. Proporzioni 2/3. La Siria ebbe bandiere da guerra distinte da quella di stato solo in quel periodo.



ALTRE BANDIERE

Bandiere di Capo di Stato

>
ALEPPO

>
DAMASCO

> GEBEL DRUSO
>
LATAKIA

>
HATAY

Bibliografia
Flag Bull., I:2, 1961/62; III:3, 1964; XX:3, 1981 - Vexillinfo, 12, 1981 - Franciae Vexilla, 19/65, 2000 - Archivio CISV, scheda 72


> Indice Asia >              >> Indice generale >>