ACEH
© Roberto Breschi
Sommario. Lo stato più potente di Sumatra era il sultanato di Aceh, fondato verso il 1500 dal sultano Ali Mugajat Scià. Situato nella porzione settentrionale di Sumatra (a nord di Trumon), per un certo periodo dominò quasi tutta l’isola e si estese anche sulla penisola di Malacca. Detentore del controllo della via delle spezie, si scontrò con gli interessi europei e, dopo aver opposto forte resistenza alla penetrazione olandese, subì una definitiva sconfitta nel 1874. Non per questo rassegnato alla perdita dell’indipendenza Aceh fu protagonista di continue rivolte. Anche dopo l’indipendenza indonesiana insorse fino ad autoproclamarsi stato indipendente nel 1976. Le bandiere di Aceh sono sempre state rosse.


Sultanato di Aceh, Atjeh, Achin, fino al 1874


Bandiera di stato e della marina da guerra, con molte varianti, tra cui tipi di arma diversi e di diversa forma (kriss, un solo spadone, la spada di Alì), punta dell'arma rivolta all'asta, assenza del disco bianco. Attestata in un documento del 1839 ma antecedente. Dichiarata illegale il 31 gennaio 1874 con l'annessione olandese, continuò tuttavia ad essere alzata dai rivoltosi.


Sultanato di Aceh, Atjeh, Achin, fino al 1874






Bandiera mercantile in uso legale fino al 31 gennaio 1874, quando fu soppressa dagli olandesi. Le imbarcazioni ordinarie alzavano un semplice drappo rosso, mentre su quelle dei notabili la bandiera portava un emblema assimilabile alla spada di Alì (zulfiqar), ma probabilmente trattavasi di un piccolo pugnale rituale.


Sultanato di Aceh, Atjeh, Achin, c. 1850-1874


Bandiera nazionale introdotta verso il 1850, abolita nel 1874 ma usata anche successivamente. Chiaramente ripresa dalla bandiera ottomana. Il sultanato si considerava infatti alleato della Turchia di cui invocò la protezione contro gli olandesi.


Stato di Aceh-Sumatra, Negara Aceh Sumatera, dal 1976



Bandiera dello stato autoproclamatosi indipendente il 4 dicembre 1976 il cui governo fu presto costretto all'esilio in Svezia; ancora in uso presso l'Organizzazione delle Nazioni e dei Popoli non Rappresentati (UNPO). Derivata dalla bandiera turca. Le strisce nere orlate di bianco ricordano coloro che hanno sacrificato la vita per l'indipendenza della patria.


> STATI DELL'INDONESIA (Indice)

Bibliografia
Vexillinfo, 46, 1984 - Corpus Vexillorum Mundi, FRC, 1984 - Flag Bull., 201, 2001 - Archivio CISV, scheda 43/2 e 43/20







DAR UL ISLAM
© Roberto Breschi
Sommario. . Nella parte occidentale di Giava si costituì nel 1949 uno stato islamico detto Dar ul Islam, vale a dire “la casa dell’islam”, che sopravvisse, con alterna fortuna, per alcuni anni dopo l’indipendenza indonesiana.


La Casa dell'Islam, 1949-1961/1962


Bandiera nazionale dall'evidente simbologia islamica.


> STATI DELL'INDONESIA (Indice)

Bibliografia
Vexillinfo, 46, 1984 - Archivio CISV, scheda 43/20







MOLUCCHE MERIDIONALI
© Roberto Breschi
Sommario. Fallito il tentativo di formare una repubblica indipendente nell'Indonesia Orientale, per non sottostare all'autorità centrale del nuovo stato indonesiano, il 25 aprile 1950 ad Ambon fu dichiarata l'indipendenza della repubblica delle Molucche Meridionali. Nonostante l'appoggio olandese, la repubblica fu riassorbita dall'Indonesia nel novembre successivo.


Repubblica delle Molucche Meridionali, Republik Maluku Selatan1950



Bandiera nazionale alzata il 2 maggio 1950, pochi giorni dopo la proclamazione dell'indipendenza e interdetta nel novembre successivo. Continuò ad essere usata dagli amboinesi rifugiati all'estero, soprattutto in Olanda. Proporzioni usuali 1/2, ma anche 2/3. Consueta simbologia retorico-naturalistica dei colori; l'azzurro stava per la lealtà e il mare, il bianco per la purezza e la pace, il verde per la fertilità e la speranza, il rosso per lo spirito di sacrificio e l'amor di patria.


> STATI DELL'INDONESIA (Indice)

Bibliografia
Flag Bull., II:1, 1962 - Flagmaster, 79, 1994 - Archivio CISV, scheda 43/20







IRIAN
© Roberto Breschi
Sommario. Dopo l'indipendenza dell'Indonesia, la parte occidentale della Nuova Guinea (Irian, o Papua Occidentale)  restò possedimento olandese. Ciò provocò lunghi contrasti, che nel 1962 le Nazioni Unite cercarono di comporre, concedendo all’Indonesia l’amministrazione fiduciaria del paese, in vista dell’indipendenza; ma l’anno successivo l’Indonesia dichiarò unilateralmente l’Irian parte integrante del territorio nazionale (Irian Jaya). La situazione è rimasta a lungo bloccata a questo stadio, nonostante la condanna dell'ONU e le periodiche agitazioni degli indipendentisti. Alcune concessioni verso l'autonomia sono state fatte dall'Indonesia nel 2001, tra cui il permesso ad alzare la bandiera nazionale e il cambio del nome in "provincia di Papua".


Papua Occidentale, dal 1961


Bandiera nazionale adottata il 20 novembre 1961 e alzata per la prima volta dagli indipendentisti papua il 1° dicembre successivo. Più volte interdetta dalle autorità indonesiane, dal 23 ottobre 2001 è legale. Proporzioni usuali 2/3, talvolta 3/5. La bandiera ha i colori olandesi. Le tredici strisce rappresentano le principali tribù, la banda rossa simboleggia la lotta e il sacrificio, la stella, detta “del mattino” è simbolo di speranza e dà il nome anche alla bandiera.


> STATI DELL'INDONESIA (Indice)

Bibliografia
Archivio CISV, scheda 43/20 - Organi di informazione