SEICELLE
© Roberto Breschi
Sommario. Scoperte dai portoghesi, le isole Seicelle, a nordest del Madagascar, furono occupate nel 1810 dai britannici che le aggregarono al possedimento di Maurizio. Nel 1903 divennero una colonia a sé stante e nel 1976 raggiunsero l’indipendenza, includendo in più alcune piccole isole dell'Oceano Indiano  britannico.


Dipendenza delle Seicelle, Seychelles Dependency, c. 1880-1903
Colonia Britannica delle Seicelle, Seychelles, 1903-1976




c.1880-1961




1961-1976
Blue Ensign del possedimento britannico, entrata in uso verso il 1880, quando le isole dipendevano da Mauritius. Dal 1903 bandiera della colonia a sé stante. L’emblema originario, pittorico, raffigurava un paesaggio locale con spiaggia, palme da cocco e tartaruga gigante; sul cartiglio il motto Finis coronat opus, "la fine è il coronamento dell'opera". Nell’aprile 1961 il badge fu ridisegnato. Diventò ovale e circondato da una cornice recante il nome dello stato, il motto e motivi ornamentali; il paesaggio raffigurato conteneva gli stessi elementi del precedente con in più una nave e un isola. La bandiera fu sostituita il 28 giugno 1976, giorno dell’indipendenza.


Repubblica delle Seicelle, Sesel, Seychelles, Republik Sesel,
Republic of Seychelles, République des Seychelles
, 1976-1977



Bandiera valida per tutti gli usi, alzata alla mezzanotte sul 28 giugno 1976, giorno dell'indipendenza e sostituita dopo il colpo di stato del 5 giugno 1977. Proporzioni 1/2. I colori erano quelli dei due principali partiti politici delle isole.


Repubblica delle Seicelle, Sesel, Seychelles, Republik Sesel,
Republic of Seychelles, République des Seychelles
, 1977-1996



Bandiera valida per tutti gli usi la cui adozione seguì il colpo di stato del 5 giugno 1977. Il 28 giugno, giorno del primo anniversario dell'indipendenza, fu annunciata la nuova bandiera, ufficialmente adottata il 5 settembre successivo. Sostituita l'8 gennaio 1996. Proporzioni 1/2. La bandiera derivava direttamente da quella del partito dominante. Il rosso era reinterpretato come simbolo della rivoluzione; la striscia ondulata bianca rappresentava il mare e le sue preziose risorse mentre il verde simboleggiava l'agricoltura e i frutti della terra.


Repubblica delle Seicelle, Sesel, Seychelles, Republik Sesel,
Republic of Seychelles, République des Seychelles
, dal 1996



Bandiera valida per tutti gli impieghi, ufficiale dall'8 gennaio 1996 e alzata per la prima volta il 18 giugno successivo nell'imminenza del ventennale dell'indipendenza. Proporzioni 1/2. Secondo la tradizione locale, i colori corrispondono a quelli dei vari partiti politici delle isole. Ad essi inoltre sono attribuiti significati legati alle caratteristiche nazionali: il cielo e il mare, il sole, la determinazione del popolo, la giustizia, la natura, rispettivamente a ventaglio dall'azzurro al verde.



ALTRE BANDIERE

Bandiere presidenziali

Bibliografia

National Geographic Mag. XXXII,4, 1917 - Flag Bull., XV:4, 1976; XVI:4, 1977; XVI:6, 1977 e 172, 1996 - Gaceta de Banderas, 30, 1996


> Indice Africa >              >> Indice generale >>





OCEANO INDIANO
© Roberto Breschi
Sommario. Le isole Chagos (con Diego Garcia e altri isolotti minori), a metà strada tra l'Africa e l'Indonbesia, sono oggi l’unico arcipelago compreso nel Territorio Britannico dell’Oceano Indiano. Occupate dai francesi nel XVIII secolo, furono cedute alla Gran Bretagna nel 1814 insieme a Maurizio. La colonia venne costituita nel 1965 ed era formata dalle isole Chagos, staccate da Maurizio in vista della sua indipendenza, e da altri arcipelaghi (Aldabra, Forquhar e Desroches) perduti in favore delle Seicelle quando queste divennero indipendenti nel 1976. Nel 1973 gli abitanti delle isole  furono forzatamente trasferiti a Maurizio per far posto a una base strategica anglo-americana e non è stato loro permesso di ritornarvi.


Territorio Britannico dell'Oceano Indiano, British Indian Ocean Territory, dal 1990



Bandiera del possedimento britannico, alzata ufficialmente l’8 novembre 1990, nel 25° anniversario della creazione della colonia. Prima del 1990 erano usate bandiere britanniche. Proporzioni 3/5, in mare 1/2. Simbologia trasparente: le onde dell’oceano, la palma da cocco frequente sulle isole, l’Union Flag e la corona, che indica l’amministrazione diretta del sovrano del Regno Unito.


Chagos Islanders, Chagossians, dal 2000



Bandiera dei nativi delle isole Chagos allontanati dalla loro terra e impediti a farvi ritorno, apparsa nel 2000 durante manifestazioni di protesta a Maurizio. L'arancione sta per il cielo locale al tramonto e per il felice passato, la striscia nera sta per il basso profilo delle isole e per la triste oscurità del presente, l'azzurro allude alla laguna incontaminata e il futuro di speranza. Anche la diversa larghezza delle strisce sembra ricordare la prospettiva del paesaggio tra cielo e mare; esiste tuttavia anche una versione della bandiera con le strisce di uguale grandezza.


Bibliografia
Flagmaster, 64/65, 1989 - Flag Bull., 140, 1991 - Embl. et pavillons, 30, 1992 - Internet


> Indice Africa >              >> Indice generale >>