ORANGE
© Roberto Breschi
Sommario. La regione del fiume Orange fu la prima (1837/8) ad essere attraversata dalla migrazione boera verso l’interno. Dopo una temporanea occupazione britannica, nel 1854 fu proclamato lo Stato Libero d’Orange. Sottoposto alle continue minacce delle popolazioni bantù, l’Orange dovette subire l’interessato intervento britannico e la non meno sgradita alleanza con il Transvaal da cui fu coinvolto nella sfortunata guerra anglo-boera. Nel 1902, al pari del Transvaal, diventò colonia britannica (autonoma dal 1907) e nel 1910 entrò come provincia nell’Unione Sudafricana.


Repubblica dello Stato Libero d'Orange, Republiek den Oranje Vrijstaat, 1856-1902



Bandiera nazionale e di stato alzata ufficialmente il 28 febbraio 1856; in uso fino al 31 maggio 1902. Versioni non ufficiali con numero variabile di strisce erano apparse fin dal 1854. Nel cantone c’è il tricolore olandese; le strisce arancioni ricordavano i legami con la casa d’Orange. Fu lo stesso sovrano olandese Guglielmo III che fornì, su richiesta dei boeri, il modello della bandiera.


Colonia del Fiume Orange, Orange River Colony, 1907-1910

Bandiera della colonia adottata nel 1907 e in uso fino al 31 maggio 1910 allorché la colonia diventò, col vecchio nome di Stato Libero d’Orange, una provincia dell’Unione Sudafricana. Sul badge, risalente al 1904, figura uno springbok, una graziosa gazzella appartenente alla fauna locale (Antidorcas marsupialis).


> COLONIE, STATI BOERI e BANTÙ (Indice)

Bibliografia
F.G. Brownell, National and Provincial Symbols, 1993 - A.P. Burgers, Sovereign Flags of Southern Africa, 1997 - Archivio CISV, scheda 105/4


> Indice Africa >              >> Indice generale >>





TRANSVAAL
© Roberto Breschi
Sommario. Nel 1838, superato il fiume Vaal, i Voortrekkers, coloni boeri in emigrazione verso nord, cominciarono ad occupare gradualmente (gli ultimi coloni giunsero nel 1848) nuove terre sospingendo i bantù verso le regioni più povere e fondando varie repubbliche. Tra di esse il Transvaal, costituita nel 1852, fu la principale, quella che, non senza difficoltà, nel 1860 assorbì tutte le altre, assumendo il nome di “Repubblica Sudafricana”. Nel 1877 gli inglesi, chiamati in soccorso a causa della rivolta degli zulù, vi restarono come invasori, causando la sanguinosa guerra anglo-boera, conclusasi con la sconfitta boera. Il Transvaal diventò colonia britannica, ma con governo autonomo (dal 1906) e nel 1910 aderì all’Unione Sudafricana.


Repubblica del Transvaal, Repubblica Sudafricana,
Zuid-Afrikaansche Republiek, 1857-1874, 1875-1877 e 1881-1902



Bandiera nazionale alzata il 6 gennaio 1857 e adottata ufficialmente il 18 febbraio 1858; sostituita dal 24 ottobre 1874 al 10 maggio 1875 sotto il presidente Burgers e dal 1877 al 1881 durante la temporanea occupazione britannica. Soppressa insieme allo stato indipendente il 31 maggio 1902. Proporzioni 2/3; la striscia verticale occupa 1/4 della lunghezza del drappo. Detta Vierkleur, quadricolore. Ai colori della madrepatria fu aggiunta una striscia verticale verde che simboleggiava “la giovane Olanda”, vale a dire il nuovo stato fondato da coloni olandesi.


Repubblica del Transvaal, Repubblica Sudafricana,
Zuid-Afrikaansche Republiek, 1874-1875

Bandiera nazionale adottata 24 ottobre 1874 e durata soltanto fino al 10 maggio dell’anno successivo. Il presidente T.F. Burgers, volle riesumare la tradizionale bandiera dei Voortrekkers; per renderla araldicamente più corretta, essa fu leggermente modificata con l’aggiunta di un sottile orlo bianco alla croce. La forte opposizione da parte dei sostenitori del Vierkleur, costrinse il presidente a tornare ben presto sui propri passi.



Colonia del Transvaal, Transvaal Colony, 1906-1910

Bandiera della colonia adottata nel 1906 e in uso fino alla trasformazione della colonia in provincia dell’Unione Sudafricana, il 31 maggio 1910. Il leone del badge figurava già nel 1° quarto dello stemma di stato della repubblica boera.


> COLONIE, STATI BOERI e BANTÙ (Indice)

Bibliografia
F.G. Brownell, National and Provincial Symbols, 1993 - A.P. Burgers, Sovereign Flags of Southern Africa, 1997 - Archivio CISV, scheda 105/6


> Indice Africa >              >> Indice generale >>





VOORTREKKERS
© Roberto Breschi
Sommario. I Voortrekkers, letteralmente “apripista” o “pionieri”, erano gruppi di coloni e allevatori boeri messisi in movimento, dal 1834/35 fino al 1848, verso nuove terre libere dall’influenza britannica. Lungo il cammino (il "Grande Viaggio") fondarono piccole repubbliche (Winburg, Potchefstroom, Utrecht), occuparono le regioni oltre il fiume Vaal (a spese delle tribù bantù) e iniziarono costituzione di uno stato unitario, che risultò assai ardua a causa deli contrasti tra i vari gruppi. Nel 1860 le varie repubbliche si unirono al Transvaal.


Boeri Emigranti, Vanguard Trekkers, 1836-c. 1860
(Repubbliche di Winburg, Potchefstroom, Utrecht)



Bandiera usata da vari gruppi di coloni e allevatori boeri messisi in movimento verso nuove terre libere dall’influenza britannica (Voortrekkers). Fu adottata da Andries Hendrik Potgieter, uno dei capi degli emigranti; nonostante varie ipotesi, l’origine del disegno resta oscura e, data la scarsità di documenti scritti, i termini dell’impiego nelle varie repubbliche fondate lungo il cammino (Winburg, Potchefstroom, Utrecht), sono incerti. Comunque, nel 1860 tutte le repubbliche confluirono sotto la bandiera del Transvaal.


> COLONIE, STATI BOERI e BANTÙ (Indice)

Bibliografia
A.P. Burgers, Sovereign Flags of Southern Africa, 1997 - Archivio CISV, scheda 105/6 e 105/8







ZOUTPANSBERG
© Roberto Breschi
Sommario. Nel 1857 una repubblica boera fu costituita nella vasta regione fei monti Southpansberg ai confini attuali tra Sudafrica, Botswana e Zimbabwe. Fu in pratica il luogo più settentrionale toccato dai boeri. Lo stato fu di breve durata perché nel 1860 si unì al Tarnsvaal.  


Repubblica dello Zoutpansberg, Zoutpansberg Republiek, 1857-1860



Bandiera nazionale adottata dalla repubblica boera costituitasi nel 1857 nel Transvaal settentrionale. Abolita nel 1860 quando anche questa repubblica confluì nel Transvaal. Proporzioni Era la Kruisvlag, vale a dire la bandiera dei Voortrekkers.


> COLONIE, STATI BOERI e BANTÙ (Indice)

Bibliografia
A.P. Burgers, Sovereign Flags of Southern Africa, 1997 - Archivio CISV, scheda 105/6 e 105/8







LYDENBURG
© Roberto Breschi
Sommario. La repubblica boera di Lydenburg occupava una regione piuttosto estesa tra lo Swaziland e il Mozambico, terra non troppo ospitale, almeno a giudicare dal nome, che significa “luogo della sofferenza”. Fondata nel 1857, si fuse col Transvaal nel 1860.


Repubblica di Lydenburg, Lydenburg Republiek, 1858-1860



Bandiera nazionale della repubblica boera costituitasi nel 1857 in una regione del Transvaal nord-orientale adottata il 4 dicembre 1858 e ufficiale dal 21 gennaio 1859; abolita nel 1860 quando la repubblica si unì al Transvaal. Identica alla bandiera olandese.


> COLONIE, STATI BOERI e BANTÙ (Indice)

Bibliografia
A.P. Burgers, Sovereign Flags of Southern Africa, 1997 - Archivio CISV, scheda 105/8