GOSHEN
© Roberto Breschi
Sommario. Il Goshen era una piccola repubblica (estesa circa come l'Abruzzo), fondata nell'ottobre 1882 da poche migliaia i boeri nella Beciuania. Nel settembre 1885 fu occupata dai britannici e annessa alla colonia della Beciuania meridionale a sua volta unita più tardi alla colonia del Capo. 


Repubblica del Goshen, Republiek van Goshen, Goosen, 1882-1885



Bandiera nazionale alzata nell’ottobre 1882 e ammainata nel settembre 1885 in seguito all’occupazione britannica e all’annessione alla colonia della Beciuania meridionale. Vierkleur, quadricolore, sul modello della bandiera del Transvaal.


> COLONIE, STATI BOERI e BANTÙ (Indice)

Bibliografia
A.P. Burgers, Sovereign Flags of Southern Africa, 1997 - Archivio CISV, scheda 105/8







STELLALAND
© Roberto Breschi
Sommario. La repubblica dello Stellaland sorgeva al confine occidentale del Transvaal. Fondata nel1883 in seguito a un contenzioso sorto tra due capi bantù, il filobritannico Mankoroane della tribù dei bataplin e il filoboero Massouw, capo dei morana, che prevalse. Dopo la pacificazione la repubblica fu retta dai boeri finché nel febbraio 1885 un corpo di spedizione britannico completò senza spargimento di sangue l'occupazione del paese, entrando nella capitale Vryburg. La repubblica fu unita alla colonia della Beciuania meridionale che sarebbe poi confluita nel Capo.


Repubblica dello Stellaland, Stellaland Republiek, 1883/1885



Bandiera nazionale in uso durante l’esistenza della repubblica boera (6 agosto 1983 - febbraio 1985) in un arco di tempo non conosciuto. L’uccello nel primo quarto dello scudo era un’otarda (korhaan) e rappresentava Mankaroane, il capo filobritannico della tribù dei bataplin; anche i pesci in campo rosso era simbolo dei bataplin. La bilancia rappresentava la giustizia e la speranza e la stella era il simbolo della repubblica.


Repubblica dello Stellaland, Stellaland Republiek, 1883-1884

Bandiera nazionale adottata probabilmente nel 1883 e sostituita nel 1884, pochi mesi prima la fine dello Stellaland. Si ritiene che la stella, che dà il nome alla repubblica ed è presente su tutti i suoi emblemi, alluda al passaggio di una cometa avvistata dai boeri nel settembre 1882 (la Grande Cometa) e considerata di buon auspicio.


Repubblica dello Stellaland, Stellaland Republiek, 1884-1885

Bandiera nazionale introdotta probabilmente pochi mesi prima che il corpo di spedizione britannico, nel febbraio 1885, entrasse nella capitale Vryburg. Il rosso sarebbe stato aggiunto al campo verde della precedente bandiera in segno di pacificazione con Mankoroane, il capo bataplin sconfitto dai boeri. Anche la stella, qui a otto punte, risulta modificata.


> COLONIE, STATI BOERI e BANTÙ (Indice)

Bibliografia
Flag Bull., 100. 1983 - A.P. Burgers, Sovereign Flags of Southern Africa, 1997 - Archivio CISV, scheda 105/8







NUOVA REPUBBLICA
© Roberto Breschi
Sommario. Dopo la sconfitta del regno degli zulu per opera dei britannici (1879), Dinizulu, figlio del re sconfitto, continuò la rivolta chiamando in aiuto i boeri. Questi ebbero in cambio una larga fetta di territorio fino al confine con lo Swaziland, ove nell'agosto del 1884 fondarono la Nuova Repubblica, riconosciuta nel 1886 anche dal Regno Unito. Nel 1888 si unì al Transvaal, ma successivamente (1902) fu trasferita al Natal.


Nuova Repubblica dell'Africa del Sud, Nieuwe Republiek Zuid-Afrika, 1884-1888



Bandiera nazionale adottata con la costituzione nell’agosto del 1884. Ebbe vita fino al 21 luglio 1888, quando la Nuova Repubblica si fuse con il Transvaal. Era in pratica la bandiera del Transvaal con le strisce verde e azzurra trasposte.


> COLONIE, STATI BOERI e BANTÙ (Indice)

Bibliografia
A.P. Burgers, Sovereign Flags of Southern Africa, 1997 - Archivio CISV, scheda 105/9







PICCOLO STATO LIBERO
© Roberto Breschi
Sommario. La repubblica del Piccolo Stato Libero fu fondata nel 1886 su un territorio ad ovest dello Swaziland che un gruppo di boeri aveva acquistato dieci anni prima dal sovrano swazi Umbandino. Nell’agosto 1890 lo stato fu incorporato nel Transvaal.


Repubblica del Piccolo Stato Libero, Klein Vrystaat Republiek, 1886-1890



Bandiera nazionale adottata nel 1886 e durata fino al 2 agosto 1890 quando lo piccola repubblica fu incorporata nel Transvaal. Bandiera quasi identica al Vierkleur del Transvaal, dal quale differisce solo per la striscia verde, che è più stretta (ha la stessa larghezza di quelle orizzontali).


> COLONIE, STATI BOERI e BANTÙ (Indice)

Bibliografia
A.P. Burgers, Sovereign Flags of Southern Africa, 1997







GRIQUALAND
© Roberto Breschi
Sommario. Una repubblica non boera fu fondata nel 1870 a Klipdrift, sul fiume Vaal, dai minatori accorsi nella zona di Kimberley ove due anni prima erano stati scoperti giacimenti di diamanti. Lo stato fu chiamato Repubblica del Griqualand, ma era noto anche con diversi altri nomi (Repubblica Libera, dei Minatori, ecc.). I minatori contavano sull'aiuto del Regno Unito per la sopravvivenza del loro stato, ma fu lo stesso governo britannico che nel 1871 pose fine alla vicenda aggregando il distretto di Kimberley alla colonia del Capo.


Repubblica del Griqualand, Repubblica dei Minatori, Repubblica Libera,
Griqualand Republic, Griekwaland-West Republiek,
Digger's Republic, Delwersrepubliek, Free Republic, Vrye Republiek
, 1870-1871



Bandiera della repubblica (1870-71), di cui poco si sa. Secondo alcune fonti il cavallo, rivoltato, era di un non precisato colore scuro, anziché bianco. Sarebbero esistite anche altre bandiere di cui non è conosciuto il tipo d’impiego. Una bianca con l’Union Flag al centro e un diamante tra le parole FREE e REPUBLIC; un’altra nera con una pala e un piccone incrociati.


> COLONIE, STATI BOERI e BANTÙ (Indice)

Bibliografia
Flag Bull., XVII:2, 1978 - A.P. Burgers, Sovereign Flags of Southern Africa, 1997 - Archivio CISV, scheda 105/2 bis